Laghi del Dolmen
Pesca sportiva tutto l'anno
Locanda Marchesi del Carretto
Relax e tranquillità in mezzo ai laghi
Taverna del Dolmen
Equilibrio tra tradizione e modernità, antichi sapori in una nuova veste
Riserva di pesca
Pescare non è mai stato così facile


Il Dolmen


dolmenScendendo a Roccavignale, in località Chiare, si trova, seminascosta tra la vegetazione ai margini di un campo, una costruzione a pianta rettangolare realizzata con enormi massi di pietra locale; la struttura è appoggiata ad un grande masso che fa da muro di chiusura a sud, le pareti laterali sono formate da quattro grandi massi eretti verticalmente su cui appoggia ad un tetto orizzontale formato da tre grandi lastroni affiancati.
Il vano interno era corredato da un pavimento formato da grossi ciottoli; di questo rimane solo una minima parte, il resto è stato distrutto da uno scavo compiuto da ignoti, forse in cerca di una possibile sepoltura.
In antico questa struttura fu utilizzata dai contadini, ai lastroni fu sovrapposto un tetto a falde di mattoni e ciottolate, le fessure furono otturate con malta ed il tutto fu munito di una porta di ingresso oggi scomparsa.
Solo indagini più approfondite ci potranno dire se questa costruzione può essere di origine megalitica, ma la totale estraneità alla cultura contadina si rileva facilmente dalla tecnica costruttiva: una costruzione di così modeste dimensioni (il vano interno è di m. 1,70x m.1,40 l'altezza è di m.1,25) sarebbe stata costruita con pietre e fango e non sarebbe stata dotata di pavimento in selciato , estraneo alle tecniche di edilizia contadina valbormidese; anche il tetto a lastroni esclude una origine contadina, essendo la pietra totalmente esclusa da funzioni di travatura portante, funzioni assolte egregiamente dalle più pratiche travi in legno.
Queste semplici considerazioni ci portano a ritenere che questa struttura sia da collegarsi a quella cultura megalitica già emersa in alcuni luoghi della Val Bormida; se così non fosse si tratterebbe di un elemento estremamente atipico di edilizia contadina che varrebbe comunque la pena di esaminare a fondo.

(tratto da "Arte rupestre e megalitismo nell'entroterra savonese" di Carmelo Prestipino)

Scarica documentazione